Le strategie per migliorare il posizionamento su Google

Un buon posizionamento su Google è oggi fondamentale per molte aziende, che hanno la necessità di vendere i loro prodotti o i loro servizi. Garantirsi la possibilità di essere tra i primi risultati di ricerca restituiti da Google significa avere più visibilità e dare maggiore risalto al proprio brand. Per ottenere un miglior posizionamento su Google ci sono strategie importanti che i professionisti del web sanno utilizzare con competenza. Infatti non esiste soltanto un unico fattore che permette di raggiungere importanti risultati in questo senso, ma più che altro si dovrebbe fare riferimento ad un insieme di elementi. Vediamo di che cosa si tratta.

La SEO per l’ottimizzazione

Quando si pensa al posizionamento su Google si fa molto spesso riferimento diretto alla SEO. Da questo punto di vista è importante rivolgersi ad un SEO specialist, come Jfactor, per sapere come applicare tutte le strategie per l’ottimizzazione di un sito.

In che cosa consiste nello specifico la search engine optimization? Si tratta di fare alcune azioni precise perché le proprie pagine web possano arrivare a conquistare i primi risultati del motore di ricerca.

In maniera particolare si deve tenere presente che molti utenti di internet oggi utilizzano Google per trovare risposta alle proprie domande. Spesso gli utenti del web fanno riferimento al motore di ricerca perché cercano informazioni riguardo ad un prodotto o ad un servizio.

Tutto nasce dalla necessità, da un bisogno specifico, a cui si cerca di trovare una soluzione cercando su Google. La SEO cerca di fare in modo che un sito sia in grado di rispondere ai bisogni specifici di un utente, fornendo risposte al suo problema. Il tutto attraverso un’analisi particolareggiata delle parole chiave, per scegliere le keyword giuste e non certamente quelle troppo generiche o poco ricercate.

Ma per dare valore ad un proprio sito, bisogna puntare su molti altri fattori, come la qualità e la lunghezza dei contenuti, l’user experience, la possibilità di contare su un dominio autoritario e la sicurezza che può essere garantita attraverso alcuni protocolli specifici delle pagine web.

Le altre strategie per il posizionamento su Google

Un SEO specialist comunque ha a suo favore tantissime altre conoscenze per cercare di garantire il posizionamento sulle prime pagine dei risultati di ricerca di Google. Per esempio, se sul sito vengono pubblicate quotidianamente notizie attuali aggiornate in maniera frequente e costante, si può puntare ad arrivare su Google News. Sicuramente, se un sito ha la possibilità di entrare su Google News, ha più possibilità di visualizzazione e quindi di essere raggiunto da moltissimi utenti.

Comunque non è certo facile rientrare nelle notizie di Google News, perché il colosso di Mountain View risulta piuttosto selettivo da questo punto di vista.

Molto importanti sono anche tutti i miglioramenti che possono essere apportati al blog aziendale, per riuscire ad offrire un’immagine professionale piuttosto credibile.

Lo scopo principale è anche quello di aumentare la durata media di permanenza dell’utente sul sito, perché è un altro fattore decisivo di cui Google tiene conto per dare più visibilità a delle pagine web nei suoi risultati di ricerca.

Il blog non deve essere più inteso come una raccolta di pensieri e di opinioni, ma deve risultare di valore, per garantire all’utente le risposte che cerca.

In primo luogo l’obiettivo sarebbe quello di diventare una risorsa per gli utenti, per poi eventualmente trasformare l’utente in potenziale acquirente.

Se si tengono in considerazione tutte queste strategie e tutti questi consigli, è possibile davvero riuscire a costruire contenuti di valore che anche Google può apprezzare, in modo da garantire ad essi una visibilità maggiore e quindi un posizionamento fra i primi risultati di ricerca.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *